Un elenco pubblicato sul sito Web Visit.Brussels sta cercando di attirare l’attenzione sui ristoranti che continuano ad offrire i loro servizi dopo le misure contro il coronavirus di Bruxelles. La lista nomina un numero selezionato di ristoratori che offrono la consegna a domicilio e l’asporto nel tentativo di garantire il proseguimento degli affari. In tutta la capitale, molti ristoranti hanno dovuto adeguare il loro metodo commerciale in risposta a misure eccezionali adottate per arginare la diffusione del nuovo coronavirus. Misure che hanno imposto la chiusura di bar e ristoranti fino al 3 aprile. Gli ordini di asporto e le consegne sono possibili, confermato venerdì gli uffici dei ministri Denis Ducarme e Maggie De Block.

Deliveroo ha già annunciato che spera di aiutare i ristoranti, per quanto possibile.“Gli chef possono continuare a lavorare e le scorte di ristorante possono ancora essere vendute” il portavoce di Deliveroo Rodolphe Van Nuffel ha detto. “Non è molto, dato l’impatto delle misure, ma vi aiuteremo il più possibile”. La chiusura di bar e ristoranti sarà “una catastrofe” per l’industria alimentare e delle bevande. Secondo Philippe Trine, vicepresidente di Horeca Bruxelles, federazione professionale del settore.“Si tratta di misure eccezionali, estremamente severe, ma probabilmente necessarie di fronte a una pandemia mondiale” ha detto.

Una serie di misure governative, tuttavia, mirano ad aiutare le aziende che hanno difficoltà a rimborsare il debito a seguito della chiusura. In particolare per il settore Horeca, c’è stato un annuncio di un pagamento una tantum di € 4.000 per ogni azienda che deve chiudere completamente per il periodo, bar e ristoranti, essenzialmente.  2.000 euro invece per coloro che devono chiudere parzialmente, negozi diversi da negozi alimentari.