Klaas Knot, direttore della banca centrale olandese DNB, non esclude la possibilità che la pandemia di coronavirus porti l’economia olandese in una recessione. “Non è necessario uno scenario della malattia molto serio per la nostra economia anche per solo avvicinarsi a una recessione” ha dichiarato dopo un incontro presso la Banca Centrale Europea (BCE). 

Una recessione è quando l’economia si riduce per almeno due trimestri consecutivi. Secondo Knot, è difficile fare previsioni ora che Covid-19 si sta ancora diffondendo. “Quando il virus sarà sotto controllo, potremo stimare quanto tempo ci vorrà e quanti danni ci saranno. Fintanto che non sarà questo il caso, dipenderemo da diversi scenari. Questo fornirà una gamma molto ampia di possibili risultati”. Ma ha aggiunto: “Siamo sicuri che ci saranno dei danni.”

La scorsa settimana, l’ufficio centrale di pianificazione CPB ha stimato che l’economia olandese crescerebbe dell’1,4 per cento quest’anno, ma ha avvertito che l’epidemia di corona potrebbe significare la crescita dello 0,8 per cento inferiore. “Penso che sia uno scenario ottimistico,” Knot ha detto. “Questo presuppone che il virus sarà sotto controllo molto rapidamente. Ci sono anche altri scenari che sono meno favorevoli.”

Giovedì la BCE ha annunciato misure per aiutare ad affrontare le conseguenze dell’epidemia di Covid-19. Quest’anno saranno immessi nell’economia altri 120 miliardi di euro per facilitare alle banche il prestito di denaro alle imprese colpite dall’epidemia. “Il nostro pacchetto è principalmente quello di dire alle banche: ci assicuriamo che si rimane finanziati, quindi garantire che i clienti rimangono finanziati,” riporta NOS.

Author: Photo RNW.org Source: Flickr License: CC