Source Pic: Ligeia

Il bilancio di contagi di coronavirus in Olanda, sale a 503 dice RIVM; +121 in appena un giorno. Il notevole balzo in avanti nel totale, in appena 24 ore, può essere imputato alle indagini svolte ieri nel Brabante tra il personale sanitario della provincia, dove è risultato positivo il 4%. 

Il paziente deceduto è un uomo di 68 anni, da tempo gravemente malato. La metà dei casi continua ad essere nel Brabante, 223. 66 sono nella provincia di Utrecht. e 57 vivono nel Zuid Holland e 48 nella provincia del Limburgo. 199 persone su 503 sono stati contagiati all’estero, in larga parte in Italia.

NLdoet, un noto evento di volontari non verrà cancellato, fa sapere l’organizzazione ma verrà chiesto ai partecipanti del Brabante di rimanere a casa. Il campionato, a differenza delle partite giocate nel Brabante, andrà invece avanti.

 L’Irish Times, questa mattina, ha criticato la scarsa attenzione posta dal governo al “paziente zero olandese”, testato solo quando ha mostrato i sintomi (ma di fatto, aveva già diffuso in giro il virus) oppure al pullman di studenti andato in nord Italia in settimana bianca, il premier Rutte continua a ripetere che è tutto sotto controllo.

Il governo ha scelto una linea “business as usual”: nessuna misura preventiva negli aeroporti perchè, sostengono le autorità, quando venne implementata per l’emergenza SARS non produsse alcun risultato. Nessun invito a sospendere le attività quotidiane e nessun piano di emergenza per sottoporre al tampone anche chi avesse sintomi lievi. La strategia dell’Olanda, insomma, è riassunta nelle parole del ministro della sanità Bruno Bruins: il governo prende la questione seriamente ma si attiene alle indicazioni dell’autorità sanitaria, il RIVM.

La provincia del Brabante ha -intanto- invitato, dove possibile, a lavorare da casa. Ma per ora, nessuna misura imperativa è stata assunta dalle autorità locali o nazionali. Mentre il focus dei test per la malattia a livello nazionale è sulle persone che mostrano sintomi più gravi.