Pic Credits: Matt MacGillivray. Source: Flickr, License: CC BY 2.0

Un altro lavoratore delle fattorie di pellicce nei Paesi Bassi potrebbe aver contratto il coronavirus da un visone, ha detto la ministra dell’agricoltura Carola Schouten. La ministra annuncerà nel fine settimana quali misure verranno prese nelle fattorie di visone del paese sulla base di alcune consultazioni con esperti veterinari.

“Sono al vaglio tutte le possibili opzioni”, ha detto Schouten. L’animale ha trasmesso l’infezione nella fattoria di pellicce dove in precedenza era già stato scoperto che un visone aveva il coronavirus. In questo caso, l’infezione è avvenuta prima che si riscontrassero i sintomi, ha detto la ministra. In aggiunta, sette dei 24 gatti testati finora hanno sviluppato anticorpi contro il coronavirus. Secondo il giornale locale Brabants Dagblad, i veterinari hanno scritto alla ministra criticando la sua strategia di azione e affermando che tutti i visoni andavano uccisi prima per impedire la diffusione del virus.

Sono particolarmente preoccupati per una fattoria di pellicce di visone a Deurne dove il proprietario, sua moglie e sua figlia hanno tutti il ​​coronavirus. I veterinari hanno riferito al giornale di aver ripetutamente chiesto un’indagine dopo che un gran numero di animali è morto dopo aver sviluppato problemi respiratori. “Indosso protezioni, ma sono esposto al virus attraverso i miei animali”, ha detto il proprietario della fattoria. “Quali sono i rischi per la mia famiglia e per la salute delle persone?” L’agricoltore in questione potrebbe essere la seconda persona a essere infettata da un visone, afferma il giornale.