The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Coronavirus, l’esperto olandese a 31mag: l’approccio italiano è stupido. E vi spiego perchè



“L’Approccio italiano al coronavirus è stupido”, diceva ieri a NOS il docente olandese Ira Helsloot suggerendo che la ricetta olandese alla crisi come l’unica veramente efficace. Lo abbiamo sentito per capire meglio questa posizione: “Il corona è tra noi e non si può fare nulla per eradicarlo”, dice Helsloot, che è docente di Governance of Safety and Security alla Radboud University di Nijmegen e già consigliere del governo su questioni inerenti alla gestione delle crisi, a 31mag.

Secondo lui, il governo olandese sta adottando le uniche misure possibili ed efficaci in casi come questo: “L’approccio italiano si, è stupido”, dice a 31mag “perchè il virus è già lì. Chiudere tutto potrà essere una soluzione nell’immediato all’epidemia ma dopo? L’Italia sta uccidendo la sua economia e a pagare, in seguito, saranno proprio le fasce più deboli che il governo vuole proteggere chiudendo tutto”, dice il docente.



Se fosse il consigliere del premier italiano Giuseppe Conte, cosa gli suggerirebbe? “Di adottare l’approccio olandese, sicuramente: provvedimenti mirati e misurati, volti a proteggere chi è a rischio”, dice ancora Helsloot. Chiudere le scuole, come chiedono molti genitori, può essere un’idea accettabile? “Assolutamente no”, continua il docente “i bambini non sono a rischio, preoccupiamoci di anziani e persone con patologie. Se qualcuno risultasse positivo è bene intervenire su quel caso e su quelli che presentassero sintomi, non su chi è sano”. Le azioni di contenimento, insomma, sono ancora quelle più valide, secondo l’approccio olandese.



Eppure, sembra che l’approccio italiano sia -al momento- il più popolare sul piano internazionale e benché, a parte la Cina, nessun paese abbia adottato misure tanto rigide, l’idea di “chiudere”, sta trovando terreno fertile in Europa: “Se tutti saltano, non è detto che dobbiamo farlo anche noi”, riprende Helsloot, “il coronavirus è anche in Indonesia e in Egitto, per fare un esempio, e da quelle parti non hanno adottato alcuna misura. Il problema sa qual è? Che nessuno sta più seguendo la scienza.” continua il docente. Eppure il WHO ha elogiato l’approccio italiano: “Quella dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è una posizione più politica che scientifica; basti guardare come è cambiata la loro idea nelle ultime settimane, rispetto a gennaio”.

Il problema dell’Olanda, rispetto all’Italia, però è l’elevata densità di popolazione: questo elemento non può deporre a favore di misure più drastiche del contenimento? “Il suo errore”, conclude Helsloot, “è di credere che il virus possa essere fermato: non si può. Tutto ciò che la politica può fare è attutirne l’impatto sulla società”.








31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!