Nei Paesi Bassi potrebbero essere introdotte misure di blocco più severe, nel caso i cittadini non seguissero attentamente le restrizioni in vigore. Come riporta Nu.nl, Jaap van Dissel, direttore dell’agenzia pubblica per la salute, però aggiunge che “allo stesso tempo, è improbabile che un blocco totale ci salvi dalla diffusione del coronavirus in Olanda.”

Per ora le restrizioni in vigore in Olanda comprendono l’attuazione di una distanza minima di 150 cm tra le persone, il divieto su tutte le riunioni di oltre un centinaio di persone, e la chiusura di bar, ristoranti, caffè, e scuole fino al 6 aprile. Ma Jaap van Dissel dichiara “potrebbero essere aggiunte altre misure. Ma tutto dipende dal comportamento che le persone avranno in questi giorni.” Van Dissel spera che restrizioni più severe non siano necessarie. E confida nel buonsenso dei cittadini nel seguire le regole in vigore. “Se necessario, chiuderemo i negozi rimasti aperti. O il trasporto pubblico. O, nel caso più estremo, obbligheremo tutti a rimanere a casa.”

Jaap van Dissel aggiunge che coloro che chiedono un blocco totale e immediato, non vedono il quadro generale della situazione. Egli infatti sostiene che si tratti di una debole alternativa. “Prendiamo come esempio l’approccio fatto a Singapore. La quarantena totale, che prevedeva multe e arresti per i trasgressori, a primo impatto sembrava funzionare. Ma appena hanno tolte alcune restrizioni, il virus è tornato a diffondersi rapidamente.” Per questo motivo il direttore dell’agenzia pubblica per la salute vuole cercare di frenare la diffusione di Coronavirus in Olanda il più possibile, ma allo stesso tempo anche garantire alle persone un minimo di vita sociale.

Il problema principale per i Paesi Bassi, secondo Van Diessel, è la possibilità molto limitata del Paese di eseguire tamponi sulle persone. Il RIVM dichiara di essere in grado di gestire ed elaborare al massimo un migliaio di test al giorno. Il che implicherebbe che per poter fare test su tutti i cittadini ci vorrebbero più di 46 anni.

 

Cover Pic: Image by Rudy and Peter Skitterians from Pixabay