The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Coronavirus in Olanda: gli alberghi diventano ospedali, richiesti più respiratori



Come riporta De Stentor, Le catene alberghiere Fletcher e Van der Valk stanno trasformando alcuni dei loro alberghi in ospedali di emergenza. Adesso accolgono i pazienti che sono troppo malati per rimanere a casa, ma che allo stesso tempo non hanno bisogno di cure di emergenza. Il primo ‘corona hotel’ è l’hotel Van der Valk a Urmond (Limburgo). Rob Hermans, direttore della catena Fletcher, annuncia che “nel giro di 24 ore centinaia di alberghi saranno pronti per ospitare coloro risultati positivi al Coronavirus.”



La clinica privata Acibadem di Amsterdam ha dichiarato di aver messo a disposizione del gruppo ospedaliero OLVG i propri medici, attrezzature, e letti per pazienti. Sta anche trasferendo all’OLVG delle mascherine monouso e degli indumenti protettivi.

Nel frattempo, sono in corso anche i preparativi per garantire che i Paesi Bassi dispongano di respiratori sufficienti per far fronte al numero previsto di pazienti di coronavirus. Sono attesi circa circa 2.000 respiratori dagli Stati Uniti. Il brand olandese Philips, che produce respiratori negli Stati Uniti, ha infatti già raddoppiato la propria produzione fino a 2.000 unità a settimana.

Infine, il ministro Hugo de Jonge annuncia che nel mentre l’Olanda sta cercando di creare una propria produzione di respiratori. 

 

Cover Pic: Image by Silas Camargo Silão from Pixabay






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!