The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Coronavirus in Olanda, cosa cambia da domani?

L’aumento di casi di coronavirus in Olanda ha portato oggi, giovedì 12 marzo, il governo olandese a varare il primo pacchetto di misure di portata nazionale per tentare di contrastare la diffusione del virus. Ecco, di seguito, le più importanti, valide fino al 31marzo. Qualora la situazione dovesse peggiorare, l’esecutivo ha fatto sapere di voler considerare anche altre misure, più rigide.

Lavoro da casa: lavorare il più possibile da casa ed evitare raggruppamenti. Evitare visite a persone anziane o ad altri gruppi vulnerabili. Persone che avessero raffreddore, mal di gola, febbre o altri sintomi compatibili con il coronavirus, devono rimanere a casa ed evitare contatti con altri. Chiamare il medico solo se la situazione dovesse peggiorare

Vietati i grandi eventi: saranno vietati gli eventi con più di 100 partecipanti e le società che organizzano convegni di grandi dimensioni, devono cancellarli. La regola si applica anche a: musei, teatri e centri sportivi. Rijksmuseum e Van Gogh chiuderanno fino a fine marzo.

I trasporti pubblici continueranno a funzionare ma NS ha già annunciato di voler ridurre le corse durante l’ora di punta. Le società di trasporto locale potrebbero adottare altre norme restrittive.

Le scuole rimarranno aperte: secondo il governo e RIVM gli studenti non appartengono a categorie a rischio. La regola per chi avesse sintomi è di rimanere a casa.
I viaggi all’estero sono consentiti ma sconsigliati a chi lavora in “settori vitali”, come la sanità.

Il personale sanitario potrà rimanere a casa solo se in stato di salute davvero precario; questo per prevenire carenza di personale in un momento in cui è richiesto

In aggiunta a queste, per il Brabant -la provincia più colpita dalla diffusione del virus- verranno introdotte altre norme, più rigide.

Calcio professionistico e altri sport, eventi religiosi e musicali sono stati sospesi fino a fino mese.

Il coronavirus in Olanda ha spinto per una petizione che chiede di chiudere tutte le scuole a livello nazionale; mentre scriviamo, la petizione ha raggiunto quasi le 18mila firme.