Il coronavirus in Olanda è stato identificato in 6 pazienti, risultati positivi ai test. Secondo NOS, si tratta della moglie e della figlia del “paziente zero” in NL. Al momento, il servizio sanitario sta cercando di isolare il focolaio, tentando di individuare le persone con cui i pazienti sono entrati in contatto.

L’asilo del figlio più piccolo della coppia ha deciso venerdi di chiudere per due settimane. La donna di Diemen con la diagnosi dell’infezione è al momento in quarantena nella sua abitazione; le autorità della capitale e del comune di Diemen, non hanno in programma- per il momento- di adottare misure. Le scuole, quindi, ad eccezione di quella citata, lunedì saranno aperte regolarmente

Secondo le autorità della capitale, dopo i test positivi di coronavirus in Olanda, la possibilità della diffusione ampia in città non è elevata e per questa ragione, la cancellazione di eventi pubblici o altre misure straordinarie, non sembra essere ragionevole. RIVM ha testato fino ad oggi 100 persone. Intanto, dice NOS, il gel disinfettante per le mani, l'”amuchina” è sold-out ovunque, persino nei negozi on-line.

I locali GGD sono al momento occupati con il monitoraggio. Secondo Jaap van Dissel di RIVM, a NOS, tutto sta procedendo come previsto e le autorità sono impegnate a rintracciare chi fosse entrato in contatto con le persone risultate positive. RIVM ha testato fino ad oggi 100 persone. GGD mette in atto la quarantena mentre viene svolta l’indagine su chi è entrato in contatto con il paziente, specialmente quando ha già avuto sintomi. Secondo l’autorità sanitaria locale, “Qualcuno con positivo al coronavirus può  infettare in media 2,5 persone”.

Anche a Schiphol, lo scalo della capitale, non è stato messo in atto alcun protocollo straordinario.

Il governo, per rispondere ai quesiti dei cittadini, ha istituito una help line per domande sul coronavirus: 0800-1351.