The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Coronavirus in Olanda, casi salgono a 128. Molti hanno contratto il virus in Italia

I casi di coronavirus in Olanda sono arrivati a 128. Secondo la stampa olandese, 101 persone avrebbero contratto il virus all’estero; 5 sarebbero stati ricoverati e gli altri sono in quarantena. Dei 128 pazienti, 101 avevano contratto il virus all’estero, dice NOS. Per il momento è stato registrato un decesso.

L’Italia settentrionale, dove molti olandesi vanno a sciare durante le vacanze invernali di metà semestre, è stata finora una fonte primaria. RIVM afferma che chiunque sia stato in una zona ad alto rischio negli ultimi 14 giorni e che abbia mostrato problemi respiratori o tosse dovrebbe rimanere a casa e avvisare il medico di famiglia. Il coronavirus in Olanda, si è manifestato soprattutto a Houten, vicino a Utrecht e Rotterdam dove hanno  casi confermati – nove ciascuno –  otto a Utrecht, due casi a Diemen (Amsterdam) e tre a L’Aia.

I media locali sostengono inoltre che a due alunni delle scuole, uno ad Amersfoort e uno ad Haarlem, avrebbero contratto il coronavirus durante le vacanze nel nord Italia. Intanto, si è parlato molto dei 900 studenti dell’associazione Vindicat di Groningen di ritorno da una vacanza a Sestrière, nel nord Italia, una delle zone di maggior diffusione del virus. Gli studenti sarebbero tornati a bordo di 14 bus e sono stati monitorati dal GGD all’arrivo nei Paesi Bassi.

Gli studenti che hanno mostrato sintomi del coronavirus non sono stati ammessi a bordo. La partenza per le vacanze era avvenuta prima che l’area fosse designata come “zona rossa” per la presenza del virus.

Il ministro della salute Bruno Bruins ha espresso preoccupazione per l’ipotesi, ventilata da alcuni paesi, di “divieto di esportazione di mascherine e gel antisettici”, come potrebbero fare Germania e Repubblica Ceca. Altro problema sono Cina e India, vista la riduzione nelle esportazioni di medicine e prodotti utilizzati per produrle è concreto il rischio che le scorte del sistema sanitario nazionale olandese si riducano fortemente, qualora il numero di pazienti dovesse aumentare all’improvviso.