Un nuovo picco di casi di Covid-19 potrebbe verificarsi tra un mese, data l’attuale situazione dell’epidemia in Belgio, secondo il virologo Marc Van Ranst. La tendenza delle nuove infezioni ad abbassarsi si è fermata, sebbene altri indicatori come i ricoveri ospedalieri e le morti continuino a scendere. Parlando in un’intervista con De Morgen, Van Ranst ha avvertito che il numero di contagi, sebbene molto più basso di circa 2.000 al giorno al culmine dell’epidemia, è ancora troppo alto.

“Penso ancora che sia una cifra molto alta”. L’arresto nella tendenza al ribasso di nuovi casi è “fastidioso”, e la curva dei progressi della malattia in Belgio mostra due cose: “Uno: siamo alla fine dell’epidemia. Due: quando sei in questa fase dell’epidemia, puoi essere indotto in errore a dimenticare che ci vorrebbe solo un buon mese e potremmo essere a un nuovo picco “.

Van Ranst ha spiegato che non è ancora il momento di pensare che il contagio sia sparito, anche se tutti vorremmo vivere normalmente. La manifestazione Black Lives Matter, frequentatori di varie feste a Flagey ed a Anderlecht e folle di turisti olandesi nel centro di Knokke-Heist non sono causa diretta dell’aumento delle infezioni, ma sono un elemento da non sottovalutare.  Tutti pensano: “Organizzerò le cose in sicurezza”. Ma quando 11 milioni di persone lo pensano, si ottiene una curva che si stabilizza ad alto livello. “