The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Coronavirus in Belgio, no a pazienti dall’estero prima del picco. Respinte richieste da IT e NL

La solidarietà internazionale per l’emergenza coronaviurs ha un limite nella capacità ospedaliera, come dimostra il caso del Belgio che ha detto no ad accogliere pazienti da altri Paesi. Se Germania, Svizzera e Lussemburgo hanno riservato posti letto ai pazienti francesi ed italiani, da Bruxelles fanno sapere che non accoglieranno malati per coronavirus. La ragione, scrive il quotidiano De Standaard, è che il Belgio ha necessità di mantenere unità libere in terapia intensiva prima del raggiungimento del picco di infezioni.

“Abbiamo ricevuto la richiesta dall’Italia. Alcuni dei nostri ospedali hanno anche ricevuto una richiesta dai Paesi Bassi “, avrebbero detto fonti governative a De Tijd, scrive Standaard.



“Finché non saremo al culmine, riserveremo i nostri letti d’ospedale alle persone che vivono nel nostro paese”, avrebbe confermato l’esecutivo guidato dalla prima ministra pro tempore Sophie Wilmès. 

Al momento sono disponibili 1.456 posti letto, di cui 474 utilizzati, scriveva De Tijd giovedì. Ciò significa che 982 letti sono al momento pronti per essere utilizzati. Tale capacità può essere ulteriormente aumentata. Fonti governative spiegano al quotidiano fiammingo che la situazione, ora, è sotto controllo; ma qualora non dovesse più esserlo, e avessero ammesso pazienti stranieri, allora non potrebbero spiegarlo alla popolazione.



Quando il Belgio avrà raggiunto il picco, hanno concluso, accettare stranieri potrebbe nuovamente essere un’opzione.

Source: Pixabay