1.045 nuovi casi positivi al Covid-19 in Belgio, ha confermato il Servizio pubblico federale della sanità (FPS) in una conferenza stampa di oggi, sabato 18 aprile. Il numero dei casi dall’inizio della pandemia sale a 37.183. Il totale include i casi positivi confermati, i pazienti che sono guariti e quelli che sono deceduti a causa del virus. 608 delle persone appena colpite vivono nelle Fiandre, 298 in Vallonia e 128 a Bruxelles. L’FPS non ha ancora informazioni riguardanti la residenza di altre 11 persone. “824 dei risultati positivi provengono dalla rete di test classica. 221 provengono da test condotti nei centri di assistenza residenziale, che sono ancora in corso ”, ha affermato il professor Steven Van Gucht dell’unità di crisi del coronavirus. In Belgio, in totale sono stati effettuati 145.997 tamponi, di cui 6.610 nelle ultime 24 ore.

Nelle ultime 24 ore, 303 nuove persone sono state ricoverate, mentre 387 sono state dimesse. Al momento, il numero totale dei ricoverati è 5.069, con una diminuzione di 92 pazienti. “Dei pazienti in ospedale, 1.119 sono in terapia intensiva, il calo è di 21 pazienti”, ha detto Van Gucht. Ha aggiunto che di quei pazienti in TI, 809 hanno un respiratore.Sono stati segnalati 290 nuovi decessi, di cui 93 in ospedale, ed erano casi confermati di Covid-19. 192 dei decessi sono stati segnalati dai centri di assistenza residenziale, molti dei quali erano casi sospetti basati sui sintomi. Delle morti appena riportate, 119 sono avvenute nelle Fiandre, 134 in Vallonia e 37 a Bruxelles. Il numero totale di decessi in Belgio dall’inizio della pandemia attualmente è 5.453. “Di quel numero, poco meno della metà si è verificato negli ospedali”, ha aggiunto Van Gucht.

“Vogliamo anche presentare i risultati di un sondaggio online di Sciensano, che mira a valutare l’impatto dell’epidemia sulla salute e sul comportamento della popolazione. Hanno partecipato circa 44.000 persone, di cui la maggior parte ha dichiarato di sentirsi ben informata sulle misure, i sintomi e la diffusione dell’epidemia “, ha affermato Van Gucht. “La maggior parte delle persone, ma non tutte, seguono anche le misure”, ha aggiunto. “Il 70% delle persone che pensa di avere sintomi ha chiamato il proprio medico di famiglia, il che è positivo. Il 19% si era già isolato preventivamente a casa prima di contattare il proprio medico. Vogliamo sottolineare che questo è molto importante, perché le persone sono più contagiose proprio all’inizio dell’infezione, quando viene prodotta la maggior parte del virus”, ha aggiunto. “L’isolamento precoce è fondamentale per fermare l’ulteriore diffusione del virus”, ha concluso.

La seconda parte del sondaggio online verrà lanciata presto e Sciensano invita la popolazione a partecipare, poiché le informazioni sono cruciali per monitorare l’ulteriore evoluzione della diffusione del virus e per valutare le misure. “Il 95% di noi segue correttamente le misure, lo abbiamo visto negli ultimi giorni dal numero di nuovi ricoveri ospedalieri. È molto importante che continuiamo così”, ha affermato Yves Stevens, portavoce del National Crisis Center. “Tuttavia, il sondaggio di Sciensano ha anche mostrato che stiamo seguendo un po’ meno le misure igieniche rispetto all’inizio, ma continuare a farlo resta cruciale. Quindi lavate le mani regolarmente, starnutite nel gomito “, ha detto Stevens. “La stragrande maggioranza delle persone sta facendo del proprio meglio per aiutare tutti noi. Non possiamo fermarci ora. Resta a casa, resta al sicuro”, ha concluso.

Pic: Pixabay