La conferenza stampa del primo ministro Mark Rutte giovedì sera ha portato le linee telefoniche del servizio sanitario GGD a “esplodere” con chiamate da parte di persone che vogliono sottoporsi a test per il coronavirus, ha detto un portavoce di GGD GHOR Nederland, l’organizzazione per i servizi sanitari GGD.

In una serata media il call center per i test sul coronavirus del GGD farebbe un massimo di 300 appuntamenti di test. Giovedì sera sono stati presi circa 2mila appuntamenti nell’arco di un’ora. Il call center doveva rimanere aperto più a lungo per aiutare tutti.

Uno degli obiettivi di Rutte con la conferenza stampa di giovedì era che fosse un campanello d’allarme per i residenti nei Paesi Bassi. “Il virus sta avanzando pericolosamente. I dati non mentono. Il numero di infezioni è aumentato da alcune settimane e siamo in pericolo di perdere i guadagni che abbiamo fatto”, ha affermato Rutte. “Per l’amor di Dio, assicuriamoci insieme che il secondo blocco non sia necessario.” Quindi questo picco nei test potrebbe essere considerato una piccola vittoria per lui.

GGD GHR Nederland è soddisfatta del crescente interesse per i test. “Testare, testare, testare rimane il nostro motto. Siamo felici che così tante persone abbiano chiamato”, ha detto il portavoce a NU.nl. Non ha potuto dire quale regione abbia prenotato il maggior numero di test: i dati verranno suddivisi e analizzati in un secondo momento.