BE

BE

Coronavirus, coltivazioni a rischio per mancanza di raccoglitori

Un effetto imprevisto causato dalle misure adottate per ridurre la diffusione del nuovo coronavirus (Covid-19) sono le conseguenze sul raccolto di frutta e verdura fresca. In teoria, le misure contro il coronavirus non avrebbero dovuto influenzare in modo significativo il raccolto di frutta e verdura. I raccoglitori sono all’esterno, e lavorano a distanza l’uno dall’altro, e pertanto le norme di igiene e sicurezza sarebbero rispettate. Il problema però sorge perché la raccolta di frutta e verdura è in gran parte nelle mani di lavoratori stagionali provenienti dall’Europa orientale. A causa delle restrizioni sui viaggi e della chiusura dei confini, molti dei lavoratori non riescono a giungere in Belgio. Gran parte della produzione belga rischia quindi di appassire e rimanere incolta. 

Il primo raccolto ad essere colpito è quello dell’asparago. La sua versione bianca è una coltura stagionale molto diffusa in Belgio e nei paesi vicini, come la Germania. “In questo momento ho solo dieci lavoratori stagionali. Di solito assumo circa 60 lavoratori a tempo pieno per riuscire a raccogliere tutto”,  spiega un coltivatore tedesco, che solitamente assume personale stagionale proveniente dalla Romania. “Per i coltivatori la situazione è critica in questo momento.”

In Belgio, la carenza di manodopera interessa non solo la coltivazione degli asparagi, ma anche quella delle fragole, nella provincia di Anversa. Il primo raccolto di questa stagione è già stato venduto, ma il raccolto principale deve ancora arrivare. E se i raccoglitori scarseggiano, la frutta rimarrà incolta. 

Il sindacato dei contadini ABS lancia l’allarme. “La nostra stima è che adesso in Belgio ci sono solo il 10% dei raccoglitori necessari”, annuncia il presidente Hendrik Vandamme. “Ciò significa che un’impresa agricola che di solito assume 12 lavoratori stagionali, quest’anno deve accontentarsi di solo due.” Il sindacato chiede quindi alle persone attualmente a casa e senza lavoro di aiutare nella raccolta dei frutti. Così da aiutare i coltivatori e garantire l’approvvigionamento alimentare.

 

Cover Pic: Image by Engin_Akyurt from Pixabay

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli