De Nederlandsche Bank (DNB) ha accusato Triodos Bank di non attuare controlli sufficienti per evitare azioni  legate al  riciclaggio di denaro o al terrorismo. Come riportato da NOS, non sono venuti fuori, comunque, problemi concreti.

Triodos Bank ha appena presentato i dati annuali e nella relazione ha riportato i provvedimenti necessari per migliorare i processi d’indagine per monitorare le transazioni dei clienti.

“Il settore deve affrontare seri problemi nell’adempiere al ruolo di controllore” sottolinea la banca, confermando poi il suo impegno nel soddisfare i requisiti richiesti. La banca ha annunciato l’espansione della gestione con l’assunzione di un Chief Risk Officer e un Risk Director.

Il problema relativo ai controlli dei clienti è di grande attualità per le banche olandesi, basti pensare che solo l’anno scorso ING è stata multata per 775 milioni di euro per mancati controlli. Triodos Bank si definisce trasparente ed è una delle banche più sostenibili al mondo. La banca finanzia progetti nel settore delle energie rinnovabili, alloggi e agricoltura biologica.

Nel 2018, il credito sostenibile è cresciuto del 17% e il portafoglio ipotecario del 36%. Con 38 milioni di euro, l’utile netto è stato leggermente superiore rispetto all’anno precedente. La banca è stata fondata nel 1980 ed è una delle banche più piccole dei Paesi Bassi, con un saldo di 15,5 miliardi di euro, 715.000 clienti e 1400 dipendenti. Per fare un confronto: ING ha un bilancio di 887 miliardi di euro, 8,5 milioni di clienti e 14000 dipendenti solo in Olanda.