Pic: FtWashGuysource   Source: wikiwdia  Licenses:  (CC BY-SA 3.0)

La task force sugli oppiacei continuerà il suo lavoro nel nuovo anno, ha riferito De Telegraaf. Il loro compito è formare gli operatori sanitari, le istituzioni e i pazienti sulla dipendenza da oppiacei e assicurarsi che gli antidolorifici vengano utilizzati in modo appropriato. La task force è composta da rappresentanti delle associazioni di medici di base, farmacisti, farmacisti ospedalieri, anestesisti, specialisti delle dipendenze e pazienti.

Creata nel 2019, la task force doveva durare solo tre anni. Eppure, il segretario di Stato alla Sanità Paul Blokhuis teme che la crisi del coronavirus possa aumentare la dipendenza da oppiacei.

Secondo un recente studio dell’Istituto per l’uso responsabile dei farmaci (IVM), nonostante gli sforzi per aumentare la consapevolezza sulla dipendenza da farmaci, come ossicodone, fentanil, morfina e buprenorfina, circa un quarto dei pazienti olandesi rimane disinformato. Circa 900.000 persone nei Paesi Bassi usano i farmaci sopra menzionato e il tramadol.

La task force vuole evitare un caso, come negli Stati Uniti, dove molte persone sono cadute vittime della dipendenza da farmaci da prescrizione.