The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Conti di KLM in rosso, a rischio migliaia di posti di lavoro

@Pixabay

La compagnia di bandiera KLM ha presentato i peggiori risultati semestrali nella storia dell’azienda, registrando una perdita di 768 milioni di euro nei primi due trimestri del 2020. Il reddito operativo è passato da un profitto di 223 milioni di euro nella prima metà del 2019 a una perdita di 768 milioni di euro nello stesso periodo di quest’anno, una differenza di quasi un miliardo di euro.

Oltre ai tagli previsti dal programma di partenza volontaria messo a disposizione da KLM per i suoi dipendenti e alle persone che  l’anno prossimo andranno in pensione è probabile che la compagnia aerea taglierà 1.100 posti di lavoro in più ha riferito l’emittente NOS.

Alla fine del 2019, il gruppo KLM contava 36.500 dipendenti, di cui 33 mila nella compagnia aerea. I licenziamenti potrebbero colpire molti settori dell’azienda, incluso il personale d’ufficio, l’equipaggio di cabina, l’equipaggio di terra e i piloti. Ulteriori dettagli dovrebbero essere annunciati la prossima settimana.

“Questi risultati finanziari servono a evidenziare l’enorme impatto di questa crisi senza precedenti per l’industria aerea e per KLM in particolare. Una perdita di 800 milioni di euro per i primi sei mesi dell’anno è la peggior battuta d’arresto finanziaria mai vissuta nella storia di KLM”, ha detto il presidente e CEO della compagnia aerea, Pieter Elbers.

La situazione sarebbe persino peggiore in Air France – KLM Group, la società madre della compagnia aerea olandese: quando l’anno scorso il gruppo ha ottenuto un utile di 137 milioni di euro in due trimestri tale cifra è precipitata nello stesso periodo di quest’anno, a una perdita di quasi 2,37 miliardi. Il livello del debito del gruppo è già aumentato da 1,83 miliardi a 7,97 miliardi.

Tuttavia, la compagnia aerea afferma che le sue entrate nei primi sei mesi dell’anno sono state di circa 2,8 miliardi di euro, la metà di quanto è stato nello stesso periodo dell’anno precedente. Con l’avanzare della crisi, la compagnia aerea ha ricevuto un pacchetto di salvataggio di prestiti e linee di credito garantiti dal governo per circa 3,4 miliardi di euro.

Anche i dati sui passeggeri sono precipitati: da oltre nove milioni di viaggiatori si é passati a meno di 500 mila, con un calo del 95% circa. “Il business del trasporto merci sta andando bene, ma i voli di linea per passeggeri devono ancora mostrare qualsiasi forma di ripresa strutturale nonostante il fatto che KLM espanda gradualmente e con attenzione la sua rete”, ha affermato la compagnia aerea in una nota.

“Nei prossimi mesi, KLM continuerà ad espandersi. Questo è un passo importante verso la ripresa, sebbene sia lento e prudente. La strada della ripresa sarà lunga e piena di incertezza. Anche se abbiamo già fatto molto, altre misure di vasta portata saranno purtroppo inevitabili “, ha detto Elbers alla tv di Stato