Pic: screenshot NOS

La conferenza stampa del governo, che ha annunciato una “riapertura condizionata” di molte attività è iniziata con il premier uscente che ha parlato ci come le cose con l’horeca stiano andando bene grazie al comportamento dell’horeca e dei clienti che hanno affrontato con responsabilità le riaperture. Ma nelle strade è pieno, troppo pieno di persone, ha detto il premier all’inizio della conferenza stampa.

Gli ospedali sono troppo pieni e il Giorno del Re è stato disastroso da questo punto di vista, dice il premier: GGD ha identificato 17 cluster nella capitale.

Il nostro governo è stretto da un grande dilemma: dare il via libera alle vacanze e agli allentamenti, tenendo però presente la situazione seria negli ospedali.

Questa volta il governo ha deciso di seguire le indicazioni di OMT che ha suggerito di attendere che i pazienti negli ospedali siano almeno il 20% in meno di oggi. Il governo vuole avviare la fase 2, se i dati confermeranno che il picco della terza ondata è passato. Probabilmente sarà già così questa settimana, ha affermato il primo ministro. Se la situazione sarà deludente, il gabinetto vuole premere il “pulsante di pausa”, ma ciò non dipende da una singola percentuale.

Se le cose andassero bene queste saranno le riaperture dal 19 maggio che verranno, tuttavia, confermate il 15 maggio:

  • Le sex workers potranno tornare a lavoro
  • Riapriranno le terrazze dei locali tra le 6 e le 20, con massimo 4 persone per tavolo (limite per le famiglie non si applica), prenotazione e controllo preventivo dello stato di salute
  • Palestre aperte solo per allenamenti individuali con massimo 30 persone e per gruppi di massimo due persone
  • Riapriranno teatri, musei e attività culturali all’aperto. Obbligo di prenotazione e massimo due persone
  • Sale prove musicali e scuole di danza fino a 30 persone. Obbligo di prenotazione e controllo preventivo dello stato di salute
  • Parchi di divertimenti e zoo riaperti ma solo per attività all’esterno
  • Scuole: riaperture saranno possibili solo se calassero i numeri

Il prossimo allentamento previsto per il I° giugno (numeri permettendo)

Dal 15 maggio cambierà l’avviso di viaggio: non più “non viaggiate” a “avviso di viaggio paese per paese”. La lista sarà disponibile entro il 15 maggio. I paesi che diventano gialli possono essere visitati, anche se i visitatori dovrebbero prestare attenzione. “Possiamo andare di nuovo in vacanza all’estero, ma non è tranquillo. Ci auguriamo e ci aspettiamo che di più sarà possibile nel prossimo futuro e che si aprano più paesi perché la copertura vaccinale aumenta in tutta Europa”.

Il ministro della Salute, Hugo de Jong, sostiene che entro metà maggio tutta la fascia di popolazione 60+ (che voleva e poteva vaccinarsi) avrà ricevuto la dose di vaccino.