Gli eritrei che alloggiavano nel centro conferenze Koningshof di Veldhoven, sono ripartiri ieri sera scortati dalla polizia ha scritto il media locale Omroep Brabant. Alle 15,30 di venerdi 14 il giudice ha confermato la legittimità dell’ordinanza del sindaco Mikkers che aveva vietato all’ultimo minuto l’evento, l’incontro annuale dell’organizzazione YPFDJ la sezione giovanile dell’unico partito ammesso in Eritrea.

Alla conferenza avrebbero preso parte eritrei di tutta Europa e olandesi di origine eritrea. Il caso è montato negli ultimi giorni dopo che oppositori al regime avevano annunciato il boicottaggio dell’evento. Giovedi sera, una manifestazione non autorizzata è stata bloccata dalla polizia che ha arrestato 128 persone. I politici a Den Haag avevano già ventilato il rischio di un’escalation.

Ad aver provocato l’ira degli oppositori sarebbe stata, soprattutto, l’annunciata presenza di Yemane Gebreab braccio destro del dittatore Isaias Afewerki