Le aziende interessate dovrebbero essere in grado di ricevere nuovamente un sostegno salariale se le misure Covid rimarranno in vigore per più delle attuali tre settimane e retroattivamente: è questa la proposta del governo uscente.

Secondo NOS, inoltre, potrebbe scattare un nuovo differimento per il pagamento delle tasse. Oggi dovrebbe tenersi un dibattito di questo tipo, oltre a 1,3 miliardi di euro per sostenere l’economia già stanziati.

Ma le associazioni imprenditoriali e anche i partiti di opposizione hanno ritenuto che questo fosse un impegno troppo scarso: in particolare, l’opposizione chiede il ripristino del pagamento degli stipendi.

Con l’aumento dei ricoveri ospedalieri, sta diventando sempre più reale che un’estensione di tali misure continuerà ad essere necessaria.   

Un dilemma è che il sostegno possa durare troppo a lungo in un dato momento: questo è ciò che hanno detto i consiglieri del governo, come il Central Planning Bureau CPB. Costa denaro alla società e può anche alterare il mercato del lavoro già in crisi, ad esempio, perché le persone rimangono impiegate da aziende che non hanno alcuna attività.

Allo stesso tempo, molti considerano inevitabile fornire supporto se vengono prese misure rigorose con un preavviso così breve.