The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Commissione medicinali NL: sicuro il paracetamolo con piccole quantità di agente cancerogeno

Il paracetamolo non causa il cancro: la Commissione di valutazione dei medicinali olandese (CGB) rassicura la popolazione. Nei giorni scorsi era infatti aumentata la preoccupazione degli olandesi a seguito della pubblicazione di un rapporto di Zembla e NRC in merito a una grande quantità di pillole di paracetamolo presumibilmente contaminate da una sostanza particolarmente cancerogena, la para-cloroanilina (PCA). La concentrazione di PCA che gli scienziati hanno rilevato era tuttavia inferiore al limite legale e “la sicurezza nell’utilizzo del paracetamolo non è compromessa”, ha dichiarato CBG.

Secondo la Commissione, la produzione di medicinali può richiedere l’utilizzo di piccole quantità di altri prodotti chimici, che sono però sottoposti a screening molto rigorosi. Nel definire questi limiti, la CBG prende sempre in considerazione lo scenario peggiore: in questo caso, l’utilizzo della dose massima di paracetamolo ogni giorno per tutta la vita.

Stando al limite massimo di PCA nel paracetamolo – un’assunzione massima di 34 microgrammi al giorno – una persona in più può ammalarsi di cancro su 100mila che assumono la dose massima ogni giorno per tutta la vita. “Il rischio è ancora minore in caso di uso a breve termine”, ha dichiarato CBG. “I lotti esaminati da NRC e Zemble rientrano tutti al di sotto di questo limite.

Nonostante le rassicurazioni, la Ministra per l’assistenza sanitaria Tamara van Ark ha affermato venerdì che richiederà all’Ispettorato sanitario di indagare sul caso. “Comprendo la preoccupazione delle persone. Secondo i rapporti che ho ricevuto fino ad ora, siamo ancora al di sotto del limite di un possibile rischio”, ha dichiarato la Ministra. A suo avviso, se la preoccupazione generale fosse davvero fondata, l’Ispettorato avrebbe preso subito in considerazione il caso e iniziato le indagini. “Penso sia molto importante. Le persone dovrebbero poter considerare sicuri tutti i medicinali che assumono”, ha riferito a NOS.