La società che produce i Pokemon, l’americana Ninantic ha posizionato un extra Pokestop nella spiaggia del resort di Kijkduin all’Aja. Stando a quanto riportato dal quoridiano AD, i fan del gioco sono convinti che tale mossa rappresenti la risposta alla causa intentata dal comune per chiedere al giudice di vietare la “caccia ai Pokemon” nell’area protetta.

I Pokestops rappresentano un punto virtuale dove i giocatori possono ottenere degli oggetti extra, come le Pokeball necessarie per catturare i Pokemon. Al momento nella spiaggia di Kijkduin ce ne sono 5, alle quali si può facilmente accedere da Deltaplein.

Il comune dell’Aja è seriamente preoccupato per gli effetti provocati dall’alto numero di giocatori lungo l’area delle dune, la quale è peraltro una zona protetta. Dopo diversi inconcludenti tentativi di contattare Niantic, la città ha deciso di interpellare la Corte.

Nell’ambito dell’udienza prevista per il prossimo 11 Ottobre, il comune chiederà il “divieto di Pokemon” nell’area in questione durante la fascia oraria che va dalle 11.00 di sera alle 7.00 del mattino. I giocatori di PokemonGo credono che l’extra Pokestop rappresenti la risposta di Niantic alla causa.

Il Comune dell’Aja è a conoscenza del nuovo Pokestop, ma secondo le dichiarazioni del portavoce Boudewijn Revis pervenute al quotidiano AD, non risulta abbia causato un aumento di giocatori.