CULTURE

CULTURE

Colonialismo olandese: storie dal passato all’archivio di Amsterdam

L’Agenzia per la tutela dei Beni Culturali dei Paesi Bassi e il Consolato olandese a New York hanno lavorato insieme a Understanding Dutch Colonial Perspectives, un programma di valorizzazione del patrimonio culturale sulle prospettive coloniali olandesi.

Esperti americani hanno collaborato al progetto. Gli interventi spaziano su ogni tipo di prospettiva all’interno del passato coloniale: storie di donne, schiavitù, vita quotidiana, ricchezza e miseria.

L’intento è quello di approfondire la conoscenza della storia coloniale olandese, le sue conseguenze, il ruolo giocato dai Paesi Bassi e il modo in cui quella storia viene oggi studiata e raccontata.

Il 10 settembre, gli esperti condivideranno con il pubblico il loro lavoro e le loro ricerche all’Archivio Comunale di Amsterdam. Sono inclusi diversi incontri, visite in loco e in alcuni dei più famosi musei e archivi della città, come il Rijksmuseum, il Tropenmuseum, gli Archivi Nazionali e il West Fries Museum.

Il tutto in compagnia di conoscitori della materia: Kamau Ware, storico e artista, specializzato nella storia della diaspora africana a New York; Josephine Bloodgood, artista e curatrice della Hudson Valley; Heidi Hill, responsabile dei siti storici di Crailo State Historic Sites e Schuyler Mansion State Historic Sites ad Albany; Gerald “Pete” Jemison, artista professionista con cinquant’anni di carriera alla spalle, conosciuto per la sua arte a livello nazionale.

SHARE

Altri articoli