Source: Pixabay

Gli ospedali si stanno preparando per lo scenario peggiore, il cosidetto “codice nero”, noto in corsia come Fase 3, che entra in vigore solo quando è stato utilizzato circa l’80% della capacità IC nei Paesi Bassi e i medici devono decidere a chi assegnare i letti rimasti.

Quando sarà il momento, il ministro Hugo de Jonge annuncerà questa fase, spiega NOS: tutti gli ospedali devono quindi prendere le stesse decisioni sulla base degli stessi criteri, spiega NOS. Oggi, medici e infermieri dell’Erasmus MC di Rotterdam riceveranno una spiegazione dei criteri e delle scelte tramite un webinar. “Temo che per la prima volta avremo troppo pochi letti”, afferma Antoine van Kempen, responsabile della logistica in ospedale.

L’internista Rozemarijn van Bruchem-Visser ha detto a NOS che sta dando gli ultimi ritocchi al protocollo: se dovesse servire, a Rotterdam sono pronti. Secondo lei, la Fase 3 (codice nero) rappresenta una svolta drastica nelle politiche ordinarie delle strutture: persone che in condizioni normali potrebbero salvate, dovrebbero invece essere lasciate al loro destino.

Le persone che non possono più andare in terapia intensiva dovranno essere accolte in ospedale nel miglior modo possibile; così come i parenti del paziente, dice NOS. Ci sarà anche supporto psicologico per il personale coinvolto con i pazienti respinti.

Quando circa l’80% della capacità dei circuiti integrati è stato utilizzato, il ministro può proclamare la terza fase a livello nazionale, nota anche come “codice nero”. Questo scenario ha tre fasi, spiega il portale della tv pubblica: i pazienti con poche aspettative di vita vengono respinti dalla terapia intensiva, quindi tocca a chi ha una storia medica e infine, se la situazione dovesse essere fuori controllo, rimarrebbe l’estrazione a sorte.

Bruchem-Visser: “Spero ancora che le previsioni siano corrette e che i numeri alla fine diminuiranno, ma crediamo che dovremmo rimanere preparati per questa situazione. Richiede così tanto da parte del personale che non si può lasciare nulla al caso. “