L’Associazione olandese dei cinema e delle sale cinematografiche (NVBF) prevede una perdita di fatturato dell’80% nelle prossime settimane a causa delle misure annunciate e anche il settore teatrale teme che l’introduzione del lockdown serale e della misura di un metro e mezzo significhi un altro duro colpo per il settore teatrale, afferma l’organizzazione ombrello  VSCD.

“Un orario di chiusura dalle 17:00 significa che molti spettacoli non potranno avere luogo. La limitazione a un massimo del 33% della capacità rende non redditizie le restanti esibizioni. Anche i consigli negativi sugli spostamenti interni non aiutano”.

La stagione teatrale è già iniziata male perché i visitatori fedeli avevano abbandonato a causa delle incertezze sulla pandemia: a causa delle misure adottate due settimane fa, non è stato più possibile accogliere più di 1250 visitatori. La domanda è se il sostegno che il governo vuole offrire fino al 1 gennaio sia sufficiente, afferma il VSCD.

La NVBF definisce “un duro colpo” che cinema e sale di proiezione debbano chiudere alle 17 e che debbano anche mantenere la regola del metro e mezzo oltre al Green Pass.

Anche i musei sono in difficoltà e temono per la perdita di visitatori.