Niente festival o rassegne, questo mese singole proiezioni e anteprime.

Programmazione per l’Herdenking – 4 e 5 maggio, De Uitkijk, Amsterdam

Se è da un po’ che vivete in Olanda, sapete sicuramente che il 4 e il 5 maggio, il paese si ferma per ricordare gli avvenimenti  della seconda guerra mondiale. Questa commemorazione è chiamata Herdenking.zob

Per l’occasione il cinema più antico della città, il De Uitkijk, propone la proiezione di due documentari sulle conseguenze della guerra in Olanda e in Russia. Il primo documentario è De zon heeft alles gezien (il sole ha visto tutto), opera in olandese; mentre il secondo è 900 dagen, in russo con sottotitoli in olandese.

Opere un po’ di nicchia, ma se sapete districarvi con la lingua vale la pena andarle a vederle.

Holy Fuck presents Rasperry Reich – 6 e 7 maggio, Filmhuis Cavia, Amsterdam

the-raspberry-reich-11E maggio inizia anche con un po’ di trasgressione. Quella vera, quella che può anche disturbare. Mi rivolgo quindi alla menti più liberal. Perché Rasperry Reich non è un film di “facile” visione.

L’autore è Bruce Labruce un artista canadese,  pioniere del cinema porno gay d’avanguardia. Con Rasperry Reich, ambientato a Berlino, gioca quindi con diversi generi, dal porno-gay, alla commedia, al film, in un certo senso, politico. Del resto si parla di rivoluzione. Una rivoluzione contro il sistema capitalista e la morale borghese, che si combatte portando il sesso nei luoghi pubblici. Monogamia ed eterosessualità vengono visti come retaggio della vecchia società, l’unica vera rivoluzione sembra essere quindi l’omosessualità. Almeno secondo Labruce.

Un film particolare, assolutamente fuori dagli schemi, adatto solo a chi ha una visione elastica e aperta del cinema, della società e della provocazione.

X-Men Marathon – 18 maggio, Pathè

Bene, dopo aver fatto gli intellettuali, e i trasgressivi, è ora di tornare alle buone vecchie americanate. Il 18 maggio, se volete gasarvi con una serie di film lasciando il vostro cervello a casa, siete i benvenuti nel circuito Pathè a godervi una bella maratona di film di X-Men.maxresdefault

In occasione dell’uscita di X-Men Apocalypse, si propone la proiezione di altri due film: X-Men First Class e X-Men Days of Future Past. Insomma appassionati nerd della Marvel unitevi, ma informatevi sul dresscode, prima di andare vestiti da Wolverine.

 

Angry Birds: The Movie – dal 18 maggio al cinema

 

andryNon mi sono dimenticata di voi, genitori sfiancati, che dovete trovare il modo di intrattenere i vostri figli nei week end. Nel caso la primavera non vi sorrida con il bel tempo, potete portarli a vedere Angry Birds. Non avete letto male, si tratta di un film d’animazione tratto proprio dall’omonimo gioco con cui tutti noi abbiamo perso troppo tempo smanettando con i cellulari.

La storia racconta di Red, un uccellino outsider, preso in giro dagli altri uccelli e per questo isolato. Red, però, diventerà un eroe nel momento in cui alcuni maialini ruberanno le uova agli uccelli e lui sarà l’unico ad avere un piano per sconfiggerli.

Due ore tranquille tra risate e buona animazione, ottimo per trascorrere un bel pomeriggio con pargoli irrequieti.

 

Alice through the looking glass – dal 26 maggio al cinema

Alice-Through-the-Looking-Glass-Mad-Hatter-poster

A costo di andare incontro a malcontenti confesso di non aver trovato il primo film un granchè. Per carità, lo stile visionario di Tim Burton è interessante e particolare, sicuramente bello dal punto di vista artistico, ma la storia dopo un po’ mi è sembrata eccessiva e poco “succosa”, tant’è che per me  l’amore per il libro di Carroll è legato più ad altre trasposizione cinematografiche.

Tuttavia non posso negare che Alice through the looking glass, già dal trailer incuriosisce. Se lo si va a vedere al cinema  si sarà ripagati da abbondanza di scene fantastiche ed effetti speciali, anche se Tim Burton,  si sta un po’ ripetendo e Johnny Depp, sembra ormai prigioniero di un solo ruolo.

Alice torna nel Sottomondo e viene mandata in missione dalla Regina Bianca per trovare la cronosfera. Anche la trama alimenta un po’ di sospetto; così diversa in un certo senso dall’idea originale di Carroll. Migliore,  peggiore, o semplicemente un’altra cosa?