Pic: Pixabay

I ricoveri negli ospedali non stanno diminuendo, ma le conseguenze del programma di vaccinazione stanno iniziando a diventare chiaramente visibili: gli anziani,  il principale gruppo a rischio, sono sempre più vaccinati e la mortalità dei pazienti Covid sia nelle unità di terapia intensiva che nei reparti infermieristici diminuisce notevolmente, dice NOS.

Nelle unità di terapia intensiva, il rischio di morte è diminuito dal 27% il 1 ° gennaio al 20% il 1 ° aprile. Nei reparti infermieristici, questa percentuale è diminuita in quei quattro mesi da oltre il 15% del 10%, dice la fondazione NICE, che raccoglie e analizza i dati degli ospedali insieme al dipartimento di scienze dell’informazione clinica dell’UMC di Amsterdam.

Secondo il presidente di NICE Dave Dongelmans, è logico presumere che la mortalità sia diminuita ulteriormente dopo il 1 ° aprile perché il tasso di vaccinazione è stato ulteriormente aumentato nell’ultimo mese. Ma dato che alcuni pazienti Covid devono rimanere in ospedale per molto tempo, i dati ospedalieri per il mese scorso non sono ancora abbastanza affidabili, dice l’associazione.

Un effetto importante della campagna di vaccinazione è che vengono ammessi sempre meno anziani: nei reparti infermieristici i pazienti over 80 nei primi quattro mesi di quest’anno si sono addirittura quasi dimezzati.

All’inizio dell’anno, il 27,5% dei pazienti aveva più di 80 anni, il 1 ° aprile era solo del 15% circa, dice NOS. Ciò ha avuto un effetto immediato sui tassi di mortalità: man mano che le persone invecchiano, aumenta il rischio di morire di Covid. Il  maggiore aumento di pazienti negli ospedali è stato nella fascia di età compresa tra i 30 e i 50 anni negli ultimi mesi.

Soprattutto nei circuiti integrati è un grande cambiamento. La prognosi era già migliorata nei reparti infermieristici, soprattutto grazie all’utilizzo di farmaci come tociluzimab e desametasone. In terapia intensiva, tuttavia, la durata del ricovero è diminuita, ma il rischio di morte è rimasto stabile per lungo tempo a circa il 30%.