Il settore dell’ospitalità di Anversa mette in guardia dal confinamento “di fatto”; in una lettera aperta alle amministrazioni provinciali e municipali, 250 imprenditori del settore chiedono più sussidi per ridurre l’impatto negativo delle misure Covid in Belgio sulle loro attività. Anche in Olanda nei giorni passati le amministrazioni locali hanno applicato tolleranza zero nei confronti dei locali Horeca che non rispettavano le misure anticorona, chiudendone diversi.

I proprietari sostengono che le nuove misure corona aumenterebbero per loro il danno economico: “Oltre alle perdite giornaliere, riaprire e chiudere i nostri stabilimenti ci sta costando molto”, scrive il quotidiano francofono Le Libre.

“In realtà, la maggior parte di noi non ha altra scelta che tenere le serrande abbassate – un blocco di fatto – per limitare i danni”, hanno osservato gli imprenditori nella loro lettera alla presidente della provincia Cathy Berx e al sindaco Bart De Wever.

Gli imprenditori nel Belgio di lingua olandese sono delusi per le misure Covid: perché gli amministratori non si sono assunti le loro responsabiltà? Alla Kermesse annuale della Foire du Midi, dopo la sua cancellazione, sono andati 500.000 euro. Ma quella é Bruxelles ed evidentemente gli amministratori sono più generosi.