di Massimiliano Sfregola

Aggiornamento: Giovedì 22/07

Non avremmo mai voluto aggiornare l’articolo originale, sostituendo “ferito” con “morto” ma nonostante poco fosse trapelato sullo stato di salute del giornalista Peter R. Devries è apparso chiaro da subito che la situazione fosse disperata.

Devries è morto il 15 luglio e la conseguenza immediata sul caso è stato il cambiamento del capo di imputazione: i due sospetti in detenzione sono ora sospettati di omicidio volontario, oltre a possesso illegale di arma da fuoco.

14 agosto, resa nota la data della prima udienza per i sospetti

Gli uomini sospettati dell’omicidio del giornalista di cronaca nera Peter R. de Vries dovranno c

omparire per la prima volta ad Amsterdam il 18 ottobre dice l’avvocato del presunto sicario Delano G. Non sarà ancora una sessione di merito, riferisce l’agenzia di stampa ANP. Non è ancora chiaro se l’udienza si svolgerà in un tribunale di massima sicurezza.

L’avvocato Ronald van der Horst non vuole dire nulla sul caso: Van der Horst sostiene di volersi pronunciare solo durante il dibattimento.

Il 21enne G. è sospettato di aver sparato a De Vries il 6 luglio a Lange Leidsedwarsstraat nel centro di Amsterdam. Il Rotterdammer G. e il 35enne coimputato polacco di Maurik sono stati arrestati subito dopo l’attacco. Il polacco avrebbe guidato l’auto della fuga. I due sono stati bloccati sulla A4, vicino all’uscita di Leidschendam, e arrestati.

Al momento, non è ancora noto il movente e i sospetti di un ruolo di…