Source pic: politie.nl

Stando alla cronaca per il processo Marengo, il primo maxi-processo alla Mocro Maffia, vede un’assenza importante tra i banchi degli imputati ed è quella di Gerel Palm, l’uomo più ricercato d’Olanda.

Palm sarebbe un killer professionista, nato a Curaçao e cresciuto a Nieuwegein, secondo l’accusa è stato ingaggiato dal boss Ridouan Taghi per alcune esecuzioni. In fuga da quasi 4 anni, è evaso il 16 marzo del 2017 dal carcere di Paramaribo, dopo essere stato fermato dalle autorità surinamesi in esecuzione di un mandato di cattura internazionale spiccato dall’Olanda.

Palm è entrato molto giovane in contatto con l’underworld criminale olandese, racconta AD: tramite la gang  Bad Boys, dove ha conosciuto Taghi, il killer avrebbe accumulato una discreta fortuna trafficando cocaina e cannabis.

Nei primi 2000, racconta ancora AD, si becca 9 anni di carcere per una sparatoria in un coffeeshop ma non prima di essere stato latitante per un anno. Quando esce dal carcere, ricomincia a trafficare con la cannabis e riallaccia i rapporti con Taghi, che intanto da criminale di zona è diventato un boss internazionale. Nel 2015, l’omicidio dell’impiegato di uno “Spyshop” viene assassinato a Huizen  e la squadra investigativa risale a Palm; la giustizia lo rilascia per mancanza di prove, lui si trasferisce in Suriname ma secondo la polizia, continua ad operare nell’underworld, tanto in sudamerica quanto in Olanda. E soprattutto, continua a lavorare per Taghi. 

A fine 2016, una sparatoria e l’omicidio di un giornalista esperto di crime, Martin Kok fanno risalire a Palm che nel frattempo si è stabilito in Suriname. I nuclei speciali della polizia di Paramaribo, nel 2017 lo prelevano da una festa e un aereo per portarlo in Olanda davanti al giudice è gia pronto. Palm, però, non salirà mai su quell’aereo: la gang di motociclisti No Surrender lo avrebbe aiutato ad evadere e da allora è latitante.

Dove si nasconde? L’anno scorso, dice AD, la polizia sarebbe arrivata ad un passo dall’acciuffarlo in Brasile ma all’ultimo momento, l’arresto è sfumato. Il pm ha messo a disposizione 30mila euro per il “golden tip” che possa aiutare a trovarlo.