Source pic: Koninklijke Landmacht

I primi richiedenti asilo sono arrivati ​​al rifugio di emergenza vicino al centro per richiedenti asilo ad Almere Stad, dice un portavoce dell’Agenzia centrale per l’accoglienza dei richiedenti asilo (COA). Ieri erano attesi circa 200 richiedenti asilo provenienti da vari altri luoghi di accoglienza nei Paesi Bassi, dove sono stati temporaneamente ospitati dopo il loro arrivo nel centro di Ter Apel, dice NOS.

Nei giorni scorsi la Difesa e la Croce Rossa hanno costruito decine di tende e padiglioni nel parco sportivo Fanny Blankers-Koen ad Almere per ospitare tra le 400 e le 500 persone. L’alloggio temporaneo sara’ di due settimane e in quelle due settimane saranno costruiti da quattro a cinque edifici temporanei. Questo rifugio di emergenza può rimanere in vigore per un massimo di un anno.

Tutti i punti di accoglienza regolari nei Paesi Bassi sono pieni e anche il punto di accoglienza di emergenza a Goes ha raggiunto la massima capacita’. Di conseguenza, recentemente le persone hanno dovuto dormire su sedie e barelle nel centro di Ter Apel. A partire dal 1° novembre saranno necessari un minimo di 4.000 posti extra per l’assistenza all’infanzia, ricorda NOS.

Il COA è alle prese con una grave carenza di strutture di accoglienza per i richiedenti asilo. Una causa importante è il numero crescente di domande di asilo, in parte dovuto all’arrivo di afgani e i rifugiati, con status, che rimangono bloccati nei centri perche’ non ci sono case disponibili