Secondo i dati dell’Ufficio centrale di statistica (CBS), nella prima metà di quest’anno più giovani rispetto al passato hanno sofferto di problemi psicologici: una persona su quattro di età compresa tra 18 e 25 anni era psicologicamente instabile nella prima metà del 2021; si tratta di un aumento di 10 punti percentuali rispetto al 2020, dice NOS,

Secondo CBS, qualcuno è classificato come psicologicamente instabile se, ad esempio, si sente spesso depresso, nervoso e sperimenta molto stress. Secondo gli ultimi dati, i giovani adulti soffrono di tali disturbi più spesso di altri gruppi di età.

Anche le persone al di fuori della fascia di età dai 18 ai 25 anni hanno più problemi di salute mentale rispetto a prima: in media, il 15% delle persone di età superiore ai 12 anni non è psicologicamente sana. Questa è la percentuale più alta dal 2001, quando i disturbi mentali furono misurati per la prima volta da CBS.

Le cifre sono sorprendenti, dice NOS, perché CBS aveva precedentemente riferito che lo stato psicologico delle persone nel 2020 era lo stesso degli altri anni. C’è stato solo un leggero peggioramneto nell’ultimo trimestre di quell’anno. Questa tendenza sembra quindi continuare nella prima metà del 2021.

Colpa della crisi? Difficile da dire, indica CBS. All’inizio di quest’anno, il Trimbos Institute ha pubblicato uno studio sull’impatto della pandemia sulla salute mentale delle persone e l’orientamento è che c’è stato un peggioramento.