La ricchezza media delle famiglie olandesi è aumentata di quasi il 10 percento nel 2016 ma solo grazie alla “bolla immobiliare”. E’ quanto dice il CBS, l’Istat olandese in una nota pubblicata il 6 febbraio. La ragione, quindi, non sarebbe dovuta ad altro se non all’impennata del prezzo delle case.

Nel 2016 sono state quasi tre famiglie su cinque a possedere la casa. Il mutuo rimane la forma più ampia di debito in Olanda, costituendo al momento l’86% del debito medio delle famiglie.

Sempre secondo la stessa indagine, nel 2016, il numero di famiglie milionarie – con un patrimonio di 1 milione di euro o più – è aumentato da 9 mila a 167 mila famiglie. La famiglia media dei paperoni olandesi aveva beni per almeno 1,5 milioni di euro.

Con una media di 280,7 mila euro, Laren, a nord, è risultato il comune più ricco nel 2016. La top 10, tuttavia, è dominata da piccoli centri nel Brabante settentrionale. A Sint Anthonis, Alphen-Chaam, Oirschot, Haaren, Reusel-De Mierden e Hilvarenbeek vive la più alta concentrazione di milionari d’Olanda.

Le famiglie nelle grandi città hanno una ricchezza media più bassa. Rotterdam è fanalino di coda con una media di 1.900 euro per famiglia anticipata a poche distanze da l’Aia e Amsterdam.

La ragione delle ricche città con basse percentuali di ricchezza media è dovuta all’ampia presenza di studenti, persone in sussidio di disoccupazione e seconde e terze generazioni di migranti che non spesso non vantano una situazione economica favorevole come i corrispettivi autoctoni.