Secondo quanto riportato dal quotidiano AD, durante la ricerca del sospetto criminale di punta Ridouan Taghi, la polizia ha seguito segretamente gli avvocati Nico Meijering e Leon van Kleef all’aeroporto di Schiphol e a Dubai, ma il pubblico ministero ha negato che ci sia stata una violazione della riservatezza.

Venerdì mattina il Pubblico Ministero (OM) ha confermato l’accuratezza del rapporto e ha negato le accuse secondo cui i poliziotti stavano violando il privilegio avvocato-cliente sorvegliando gli avvocati.

Mentre Taghi si nascondeva a Dubai nel giugno 2019, la polizia ha ricevuto una soffiata secondo cui l’avvocato Meijering si sarebbe diretto nel paese per incontrarlo. La polizia ha preso la decisione insolita di seguirlo.

Mentre osservava Meijering a Schiphol, la polizia ha visto lui e il collega Van Kleef salire su un aereo per Dubai il 19 giugno. “L’identificazione del luogo in cui si trovava [Taghi] e il suo arresto erano della massima priorità, date le accuse molto gravi contro di lui”, ha detto l’OM. “È ritenuto responsabile per aver ordinato un gran numero di omicidi”.

A Dubai gli avvocati sono stati seguiti dalle autorità locali, che secondo l’OM era su sua richiesta. Gli investigatori di Dubai hanno riferito ai Paesi Bassi che gli avvocati non stavano incontrando Taghi, ma il loro cliente Khalid J. L’operazione non ha avuto successo.

Gli avvocati olandesi sono stati informati dall’OM di essere stati seguiti solo dopo che il giornale aveva iniziato a interrogare il pubblico ministero sulla questione. I due avvocati hanno detto ad AD di essere indignati per il fatto che la polizia li abbia seguiti.

Rischio per la sicurezza degli avvocati

“È ancora un altro sintomo di uno stato di diritto severamente sovraccarico in cui devono operare gli avvocati”, ha detto Meijering al giornale. La polizia che segue gli avvocati li mette in pericolo, ha detto. “Dopo tutto, qualsiasi arresto risultante potrebbe essere facilmente interpretato male”. Il cliente dell’avvocato potrebbe pensare che l’avvocato lo abbia consegnato alla polizia, per esempio.

Anche l’Ordine degli avvocati olandese e l’associazione degli avvocati della difesa penale NVSA hanno definito l’operazione preoccupante. “Può mettere seriamente in pericolo la sicurezza degli avvocati“, ha detto Petra van Kampen dell’Ordine degli avvocati.

Il membro del consiglio di amministrazione della NVSA Geertjan van Oosten ha aggiunto: “Un avvocato non dovrebbe mai essere osservato nello svolgimento del suo lavoro perché altrimenti non può svolgere il suo lavoro liberamente”.

La NVSA richiede la piena divulgazione da parte del Consiglio dei procuratori generali e “una garanzia che questo non accadrà mai più”.

Il Pubblico Ministero (OM) ha detto al giornale che l’operazione per seguire Meijering e Van Kleef non è stata sottoposta prima al Consiglio dei procuratori generali. Secondo l’OM, ​​questo non era necessario, perché Meijering e Van Kleef non rappresentavano Taghi. “Pertanto, osservarli non violerebbe il rapporto confidenziale di un avvocato con il suo cliente”.

Secondo l’OM, ​​la caccia a Taghi aveva la massima priorità, a causa della preoccupazione che avrebbe potuto commettere ulteriori omicidi.