Il sindaco di Den Haag Jozias van Artsen ha negato agli organizzatori della manifestazione in ricordo di Mitch Henriquez, di attraversare il quartiere di Schilderswijk. Il corteo si svolgerà ad un anno esatto dalla morte dell’uomo arubano, deceduto durante un fermo di polizia. L’evento causò un moto di indignazione contro le forze dell’ordine all’Aja sfociato poi in quattro giorni di scontri. Secondo il capo della polizia di Den Haag Paul van Musscher, il passaggio dei manifestanti nella zona dove un anno fa ebbero luogo i disordini, “potrebbe rovinare il dialogo ricostruito dal comune con la popolazione locale”.

Il percorso richiesto dagli organizzatori, sarebbe partito da Zuiderpark, dove Henriquez venne arrestato e passando per Schilderswijk si sarebbe concluso presso la stazione di Hollands Spoor. I manifestanti sono furiosi e all’emittente Den Haag FM hanno espresso il loro disappunto; il percorso imposto dal comune, infatti, costringe gran parte del corteo all’invisibilità.

Frank van der Linde, tra gli organizzatori della marcia, ha denunciato quello che definisce un clima intimidatorio messo in piedi dalla stampa contro gli attivisti. Secondo lui è certamente più preoccupante il ritardo nelle indagini; ad un anno di distanza, infatti, i 5 agenti sospesi dal servizio per la morte di Henriquez non sono stati ancora rinviati a giudizio.