Source pic: screenshot FB

Decine di attori e attrici sostengono le presunte vittime del caso De Pauw con una lettera: “Non voglio più tacere”. Sono diverse dozzine di attori e attrici belgi ad aver pubblicato la stessa lettera aperta sui social media sul caso Bart De Pauw, presentatore fiammingo accusato di molestie.

Tra loro Mathias Sercu, Charlotte De Bruyne e l’intera ActeursGuild. Gli autori della lettera chiedono di porre fine alle “reazioni offensive e umilianti” alle 13 donne che hanno fatto dichiarazioni su De Pauw. “Chiunque dubiti se presentare una denuncia in futuro non dovrebbe scoraggiarsi”, hanno detto gli autori della lettera.

L’attrice Dominique Collet è uno delle artiste dietro l’iniziativa:  “La lettera ha avuto origine dal basso verso l’alto. A causa della polarizzazione nel caso De Pauw, per le donne è diventato ancora più difficile pensare di denunciare”, dice in “De wereld vandaagi” su Radio 1.

Gli autori non commentano il processo contro Bart De Pauw. “Questa non è una lettera con un’opinione su una causa in corso, ma una calorosa dichiarazione di sostegno da parte di colleghi a colleghe”, dice. De Pauw deve comparire in tribunale per molestie di persona e per via telematica contro 13 donne. Ci sono già state alcune udienze, ma non è stata ancora fissata una data ufficiale di inizio del processo.

A proposito dei messaggi indirizzati alle 13 donne che hanno rilasciato dichiarazioni contro De Pauw, gli autori scrivono che sono “radicati nella nostra cultura in cui è normale che i limiti stabilit dalle donne vengano minimizzati, ignorati e trasgrediti. Questo accade sempre e non possiamo più tacere”.

#streepinhetzand

Dertien vrouwen hebben besloten een streep in het zand te trekken. Tot hier en niet verder.

Dit is…

Pubblicato da De Acteursgilde su Lunedì 15 febbraio 2021