NL

NL

Cara bolletta: oltre il 60% delle famiglie in Olanda continua con contratti variabili nonostante la reintroduzione dei fissi

Oltre il 60% delle famiglie nei Paesi Bassi continua ad avere contratti di energia variabili, nonostante la reintroduzione dei contratti di energia fissa. Questo è dovuto al fatto che molte famiglie preferiscono rimanere con i loro contratti esistenti, ma ciò comporta dei rischi. Gli esperti del settore avvertono che i prezzi dell’energia possono aumentare in modo significativo nel tempo con i contratti variabili.

La possibilità di stipulare contratti di energia fissa è stata reintrodotta nel mercato da qualche mese, inizialmente con una durata di sei mesi e ora persino per tre anni. Tuttavia, più del 60% delle famiglie olandesi continua a mantenere contratti di energia variabili. Questo significa che il prezzo dell’energia può variare in base alle fluttuazioni del mercato, esponendo le famiglie al rischio di pagare di più, dice NOS.

La situazione è stata aggravata dalla crisi in Ucraina, che ha portato a un aumento significativo dei prezzi del gas e dell’elettricità. Molti consumatori hanno subito aumenti considerevoli delle loro bollette, arrivando a pagare anche sei volte più del solito. Di fronte a questa situazione, oltre un milione di famiglie si è trovato in difficoltà.

Sebbene i prezzi dell’energia siano diminuiti notevolmente dal loro picco, oltre il 60% delle famiglie continua comunque a mantenere contratti variabili: questo potrebbe essere dovuto alla percezione che i contratti variabili siano più convenienti o all’incertezza riguardo ai prezzi futuri.

La possibilità di stipulare contratti fissi è stata reintrodotta nel mercato da qualche mese, inizialmente con una durata di sei mesi e ora persino per tre anni. Tuttavia, più del 60% delle famiglie olandesi continua a mantenere quelli variabili: questo significa che il prezzo dell’energia può variare in base alle fluttuazioni del mercato, esponendo le famiglie al rischio di pagare di più in caso di aumento dei prezzi.

Il governo olandese ha introdotto misure di sostegno, tra cui un sussidio di 190 euro e sovvenzioni per le famiglie a basso reddito. Inoltre, è stato stabilito un tetto massimo sui prezzi dell’energia. Quest’anno, i consumatori non possono pagare più di 1,45 euro al metro cubo per i primi 1200 metri cubi di gas e 40 centesimi di euro per i primi 2900 kWh di energia elettrica.

 

SHARE

Noi siamo qui 365 gg (circa), tra le 5 e le 10 volte al giorno, con tutto quello che tocca sapere per vivere meglio in Olanda.

Sostienici, se usi e ti piace il nostro lavoro: per rimanere accessibili a tutti, costiamo solo 30€ l’anno

1. Abbonatevi al costo settimanale di mezzo caffè olandese:

https://steadyhq.com/en/31mag

2. Se non volete abbonarvi o siete, semplicemente, contenti di pagarlo a noi il caffè (e mentre lavoriamo quasi h24, se ne consuma tanto) potete farlo con Paypal:

https://www.31mag.nl/abbonati/

3. Altrimenti, potete effettuare un trasferimento sul nostro conto:

NL34TRIO0788788973

intestato al direttore Massimiliano Sfregola
(causale: recharge 31mag)

Altri articoli