Il prezzo degli affitti di Amsterdam continua a crescere senza sosta: nell’ultimo quarto del 2015, si è registrato un incremento del 10% rispetto all’anno precedente. Lo rivela il sito Pararius.nl sentito dal quotidiano Parool. Se a Zuid-Oost, la zona più a buon mercato, è ancora possibile affittare ad un costo medio di 10e al metro quadro, nelle zone centrali della capitale si può arrivare a pagare fino a 25e;  un appartamento di 80m2, insomma, può arrivare a costare anche 2100e al mese. Un vero salasso. La ragione principale sarebbe la scarsità di alloggi disponibili nella fascia media: se da un lato lo stock di case sociali di Amsterdam, ovvero abitazioni affittate nel settore controllato a meno di 710e al mese, rappresenta il 59% del totale, quello libero è appena al 9% con cifre che superano di media i 1000e al mese. Poco o nulla, quindi, rimane per la larga fascia di redditi medi con un budget disponibile di 700/1000e al mese. Nonostante l’impennata di prezzi al metro quadro nel 2015  abbia riguardato tutto il paese con un +5,2%, ad Amsterdam l’incremento è stato di oltre il 10%. Secondo il direttore di Pararius, Jasper de Groot, sarebbero soprattutto gli expat a spingere il mercato verso l’alto, costretti più dei locali a spendere somme largamente al di sopra del prezzo medio, pur di accaparrarsi le poche opportunità disponibili.