The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Capo della polizia: basta attacchi alle forze dell’ordine

Il capo della polizia nazionale Henk van Essen ha riferito al Telegraaf di essere stufo del “costante attacco” nei confronti della polizia. La sua dichiarazione viene in risposta alle critiche su come la polizia ha agito durante gli incidenti avvenuti in una protesta contro le misure di contenimento del coronavirus sui Malieveld, all’Aja, domenica. Sono state arrestate circa 400 persone.

Qualunque cosa facciamo, c’è sempre qualcuno che pensa che avrebbe dovuto essere diverso“, ha detto Van Essen al giornale. “Abbiamo agito troppo piano. O troppo duramente. Un’opinione sulla nostra esibizione viene trasmessa rapidamente, spesso sulla base di immagini frammentarie. Ciò mi riguarda. Non rende giustizia ai miei agenti di polizia. Ai nostri agenti di polizia”.

L’unione di polizia ACP teme che le autorità “stiano perdendo completamente la presa sulla società”, ha dichiarato il presidente Gerrit van de Kamp al quotidiano AD. Secondo il sindacato, i video condivisi sui social media mettono la polizia in cattiva luce. Gli ufficiali sono stufi e alcuni stanno pensando di abbandonare il lavoro, ha detto Van de Kamp.

La polizia aveva precedentemente affermato di aver chiesto alla gente in molti modi e più volte di lasciare il Malieveld domenica. “Se, nonostante tutto, si sceglie di ignorare tutte le richieste e gli ordini della polizia, si finisce per correre il rischio di affrontare la violenza nella massa dell’azione”, ha detto la polizia, ha riferito NOS. Secondo la polizia, la manifestazione di per sé è stata silenziosa e ordinata, ma in seguito sono stati provocati disturbi da tifosi di calcio che si erano uniti ai manifestanti. Il primo ministro Mark Rutte ha affermato che “teppisti” hanno abusato della manifestazione per cercare un conflitto con la polizia.

Il ministro di Giustizia e Sicurezza Ferdinand Grapperhaus ha dichiarato di essere “molto favorevole” al modo in cui la polizia ha agito durante la manifestazione di domenica. Ha riferito a NOS di essere infastidito dal modo in cui l’opinione pubblica è influenzata dai social media con “video tagliati”, lamentandosi, di conseguenza, del fatto che la polizia non si è comportata correttamente. Il Grapperhaus ha sottolineato che la polizia è addestrata a disinnescare le situazioni potenzialmente pericolose o violente.

Grapperhaus ha affermato di aver appoggiato la decisione del sindaco dell’Aja Johan Remkes di consentire la manifestazione all’ultimo minuto, nonostante in precedenza la avesse proibita. Il ministro ha sottolineato che i tifosi di calcio si sono presentati solo dopo un po’ di tempo e hanno iniziato a cercare un confronto con la polizia. “Le persone con intenzioni sbagliate hanno creato disordini“, ha detto Grapperhaus. “Non nutro alcuna comprensione per questo”.