L’esperimento di legalizzazione della cannabis va avanti: cinque anni e due mesi, questo il periodo in cui la marijuana coltivata e impacchettata dallo Stato sarà disponibile per la vendita.

Secondo il Volkskrant, il disegno di legge -frutto di un difficile compromesso tra partiti liberali e partiti cristiani- è stato inviato, tra gli altri, alla polizia, al pubblico ministero e all’Associazione dei comuni olandesi.

Un anno sarà dedicato alla preparazione del progetto quinquennale, per l’esperimento, i coltivatori verranno reclutati con una gara pubblica. Non tutti i coffeeshop partecipano e quelli “legali” venderanno in massimo 10 comuni.

La norma prevede rigidi requisiti per l’imballaggio e il trasporto; il governo vuole impedire che le droghe finiscano nel mercato nero. Sulla confezione, sarà presente “nuoce gravemente alla salute” come sui pacchetti di sigarette. Un comitato di esperti, si legge ancora, vigilerà sulla qualità e sul prezzo.

Al termine di questa “legalizzazione a tempo” i coffeeshop saranno costretti a tornare al mercato nero mentre il governo valuterà se l’esperimento ha avuto successo.

Contemporaneamente alla nuova legge, inizierà una campagna che metterà in guardia le persone sui rischi per la salute derivanti dall’uso di cannabis. Il governo vuole impedire la normalizzazione del consumo di marijuana.

Quando inizierà l’esperimento non è noto. La legge, attualmente, è ferma al senato.