NL

NL

Campagna contro i “visitatori UK indesiderati” e vietate canne in strada: Amsterdam lancia la “guerra ai turisti molesti”

L’assessore Sofyan Mbarki ha presentato ieri pomeriggio i piani per limitare il turismo ad Amsterdam: una campagna di scoraggiamento e il divieto di fumare dovrebbero tenere lontani i “turisti molesti”, ma non ci saranno barriere al quartiere a luci rosse e la tassa di soggiorno non verrà aumentata per il momento, dice AT5.

La “campagna mirata di scoraggiamento digitale nei confronti dei visitatori stranieri che vengono ad Amsterdam solo per alcol, droghe e sesso” inizierà all’inizio del prossimo anno: Stay Away si concentrerà inizialmente sui turisti britannici e, in caso di successo, verrà estesa a gruppi di disturbo provenienti da altri paesi o aree.

Nella zona del centro città dove non è consentito bere alcolici per strada, non sarà più consentito fumare cannabis per strada. In un dibattito con Halsema a settembre, anche i consiglieri comunali avevano chiesto il divieto di fumare. Poi Halsema ha risposto che non avrebbero dovuto avere “aspettative eccessive” al riguardo: il comune sta indagando se è possibile che i coffeeshop in quella zona smettano di vendere cannabis alle 16:00.

All’inizio di quest’anno, le aziende hanno indicato in un sondaggio ABN Amro di essere preoccupate per un possibile aumento della tassa di soggiorno e per ora, il comune li ha accontentati evitandola.

Dalla primavera del 2024, gli autobus turistici non potranno più guidare all’interno dell’S100 e il comune pensa a come vietare: addii al celibato e ridurre le visite guidate. Il comune sta anche valutando se sia possibile ridurre il numero di navi private sui canali. Il numero di navi da crociera marittime non sarà ulteriormente ridotto.

La sindaco Halsema aveva precedentemente annunciato che il consiglio comunale vuole che ristorazione e prostituzione nel quartiere a luci rosse chiudano le loro porte presto: Mbarki ribadisce tale intenzione e esprime il desiderio che “i residenti si riposino di più durante le notti del fine settimana”.

“L’overtourism è un problema globale molto complesso”, ha detto Mbarki in una lettera al consiglio comunale. “Il comune ha la responsabilità di mantenere la città vivibile per residenti e imprenditori”. Oltre alla campagna Stay Away, è in fase di sviluppo una “immagine rinnovata di Amsterdam”. Dovrebbe diventare la ‘nuova immagine della città’. «Lo scopo della campagna di scoraggiamento è tenere fuori visitatori che non vogliamo, le campagne di immagine mirano ad attirare visitatori che vogliamo», scrive l’assessore.

Il comune ha anche elaborato una “Piano per l’economia dei visitatori ad Amsterdam 2035”.

SHARE

Altri articoli