The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

NL

Burioni a NRC: Olanda, non sottovalutare il coronavirus

Il coronavirus anche in Olanda, secondo il virologo italiano Roberto Burioni, si contrasta con misure rapide e rigorose.“Consiglio a tutti di fare un piccolo sacrificio e di rimanere a casa per alcune settimane”, ha detto al quotidiano NRC.

Nell’intervista, a firma del giornalista Marc Leijendekker, il virologo italiano suggerisce di non ignorare i rischi che comporta l’infezione da coronavirus. “Pensavano fosse una specie di banale influenza stagionale. Ma questo è diverso. Il coronavirus è molto più contagioso e colpisce direttamente l’intero sistema respiratorio”, dice al quotidiano di Rotterdam.

Secondo il virologo, noto al pubblico italiano per la sua comunicazione molto diretta e le polemiche sulla questione vaccini, l’approccio italiano si è rivelato efficace:

“Non era un’area così ampia, quindi il contenimento ha funzionato”, racconta ad AD. Ad esempio, a Codogno non sono stati registrati negli ultimi giorni nuovi casi di contagio. Le misure rigorose aiutano, insomma.

Secondo Burioni, il problema è l’incongruenza tra i diversi livelli di amministrazione che a portato a decisioni non sempre coerenti e poi il tentativo di minimizzare anche davanti ad una situazione molto seria: “Questo è un nemico estremamente pericoloso, un virus che può mettere in ginocchio persino l’intero sistema sanitario lombardo, a mio avviso uno dei migliori in Europa”.

Il virologo suggerisce un approccio europeo, ad una voce unica, diverso dall’avanzata in ordine sparso vista fino ad oggi. Cosa dovrebbero fare i Paesi Bassi, chiede il giornalista?

“Consiglio a tutti di fare un piccolo sacrificio e di rimanere a casa per alcune settimane. Ciò contribuirà a tenere sotto controllo questa epidemia, nei Paesi Bassi e anche in altri paesi in Europa. “