Nella lista delle città più costose per gli immigrati nel 2020 stilata dalla società di consulenza Mercer, Bruxelles si classifica al 78° posto su un totale di 209 città.

La capitale del Belgio è scesa di una posizione rispetto al 2019, in cui occupava il 77° posto. La classifica tiene conto, tra le altre cose, del costo della vita, dei trasporti, del cibo e del tempo libero. Per il terzo anno consecutivo, Hong Kong è la città più costosa per gli immigrati, seguita da Ashgabat (Turkmenistan), con Tokyo (Giappone) e Zurigo (Svizzera) in terza e quarta posizione.

“La pandemia di Covid-19 ci ricorda che l’invio e il mantenimento dei dipendenti in incarichi internazionali è una responsabilità enorme e un compito difficile da gestire“, ha affermato Ilya Bonic, Career President e Responsabile della strategia di Mercer. “Piuttosto che scommettere su una massiccia ripresa della mobilità, le organizzazioni dovrebbero prepararsi alla reimpiego dei loro dipendenti, cercando di mostrare empatia e di comprendere che non tutti saranno pronti o disposti ad andare all’estero“, ha aggiunto.

Altre città nella top 10 sono Singapore (5 ° posto), New York (6), Shanghai (7), Berna (8), Ginevra (9) e Pechino (10). Amsterdam occupa invece il 64° posto nella classifica mondiale, 12° tra le città europee. La città meno cara del mondo per gli immigrati (classificata al 209 ° posto), secondo il sondaggio di Mercer, è invece Tunisi (Tunisia) per il secondo anno consecutivo.