The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BELGIO

Bruxelles, richiedenti asilo trasferiti dalla stazione Gare du Nord. Soddisfatte le organizzazioni umanitarie

140 luoghi di accoglienza temporanei ospitano i migranti che dormivano in condizioni igieniche deplorevoli nella stazione di Bruxelles Gare du Nord. A scrivero è il quotidiano francofono La Libre.

Giovedì sera, squadre di volontari della Croce Rossa, la Plateforme citoyenne de soutien aux réfugiés Bruxelles e la Samusocial si sono incontrate alla stazione per offrire alloggio alle persone più vulnerabili.

148 persone sono state accomodate, 50 sono rimaste senza soluzione di alloggio.

La loro situazione verrà quindi valutata per definire un sostegno adeguato: procedure sociali, mediche, di asilo, assistenza ai minori, ecc. Questa misura viene presa “su base temporanea”, afferma la Piattaforma dei cittadini, “per rispondere all’emergenza umanitaria e sanitaria che colpisce le persone in luoghi la cui situazione si sta deteriorando giorno dopo giorno”.

Da parte sua, la ministra per l’asilo e la migrazione, Maggie De Block (Open VLD) è lieta di aver risolto la questione della stazione di Bruxelles Noord. I migranti saranno ospitati nei centri di accoglienza per i senzatetto, la cui gestione è di responsabilità regionale. Dei 140 posti aperti, 60 sono gestiti dalla Croce Rossa, 40 da Samusocial e 40 dalla piattaforma cittadina. “Non è il ruolo di Fedasil ospitare persone che soggiornano illegalmente”, afferma la portavoce Maggie De Block.

Fedasil è l’ente belga che si occupa di rifugiati. Secondo il ministro, i migranti ricevono assistenza in questi rifugi di Bruxelles “per fornire le informazioni a Fedasil (l’Agenzia federale per l’accoglienza dei richiedenti asilo, ndr) sul ritorno volontario o sulla procedure di asilo “. Questo sistema esiste dal 2014 (è stato creato per le famiglie con bambini che soggiornano illegalmente) e sarà quindi esteso. Coloro che prenderanno in considerazione un ritorno volontario potranno essere accolti nella loro rete.

Le persone che dormivano alla Gare du Nord vivevano in condizioni terribili, dice la Plateforme citoyenne de soutien aux réfugiés .

La ministra con delega alle migrazioni ha detto che i migranti che ritorneranno alla Stazione Nord saranno identificati dalla polizia e posti in un centro chiuso per preparare l’espulsione. Ma poiché alcuni paesi rifiutano di accettare i loro cittadini, non è garantito che un trasferimento in un centro chiuso porti all’espulsione. Alla domanda del giornale sulla mancanza di posti in un centro chiuso, il portavoce dell’agenzia governativa svia: “Faremo in modo che ciò accada”, dice. “.

Secondo l’Ufficio per gli stranieri (OE), le nazionalità più rappresentate tra i migranti in transito sono siriani, iracheni, sudanesi ed eritrei. Non ci sono rimpatri in Siria. Quelli in Sudan sono rari e sono soggetti a un controllo più approfondito in seguito al cosiddetto caso sudanese. Per quanto riguarda l’Iraq e l’Eritrea, i rimpatri esistono ma sono pochi. Le persone di questi paesi hanno buone possibilità di ottenere asilo.

Gli autobus De Lijn fermano nuovamente a Gare du Nord da ieri


31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news, reportage e video inediti in italiano.
Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

Recharge us!