The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BELGIUM

Bruxelles, l’iniziativa a sostegno del trilinguismo

Il Vice-Ministro Sven Gatz ha lanciato una campagna di collaborazione tra le scuole olandesi e francofone



Di recente su diversi marciapiedi dei 19 comuni che compongono la Regione di Bruxelles-Capitale i cittadini si sono imbattuti in un messaggio particolare. Si tratta di un’immagine realizzata tramite un’idropulitrice, in cui un bambino esprime il suo amore per la capitale, utilizzando lingue diverse.

È questo il nuovo modo che il Vice-Ministro Sven Gatz ha scelto per lanciare la campagna di collaborazione tra le scuole olandesi e francofone. Oltre all’evidente promozione delle lingue, il suo obiettivo principale è la nomina di un Ministro del Multilinguismo a Bruxelles. Quest’ultimo avrà il compito di verificare le problematiche nel campo linguistico e, soprattuto, di stilare un piano d’azione per la conoscenza delle tre lingue più parlate nella città.

Non va dimenticato, infatti, che Bruxelles è la seconda città più cosmopolita del mondo. Un ambiente in cui si parlano ben 100 lingue diverse e in cui la comunità è diventata sempre più internazionale. Proprio per questo, secondo Gatz, risulta fondamentale conoscere le lingue per integrarsi nello spazio cittadino, altrimenti si rischia di rimanere esclusi.

Condividere una lingua è l’elemento essenziale per costruire una società accogliente, in cui tutti contribuiscono all’ordine senza rinunciare al divertimento, ha detto Gatz in un comunicato stampa. “Sono convinto che una grande città come Bruxelles possa raggiungere questo obiettivo”, ha aggiunto con un certo ottimismo.

Gatz vuole assicurarsi che i giovani di Bruxelles considerino il multilinguismo come una risorsa per il loro futuro. “L’obiettivo di questa campagna è quello di trasformare molti giovani della città in persone trilingui. È fondamentale che imparino l’olandese, il francese e l’inglese quanto più possibile. Mi rivolgo a tutte le scuole di lingua olandese perché collaborino con quelle di lingua francese. E non c’è tempo da perdere: bisogna abituare i ragazzi fin da piccoli”, ha sottolineato Gatz.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!