The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Bruxelles, il Belgio coopera con il regime kazako: perquisita l’abitazione di una rifugiata e attivista



Il Belgio ha accettato una richiesta di cooperazione giudiziaria dal Kazakistan, effettuando un raid nell’abitazione della rifugiata, attivista e avvocata Bota Jardemalie. L’azione sarebbe avvenuta, in presenza di due agenti kazaki, riferisce Le Soir.

Nel 2013, le autorità del Kazakistan hanno emesso un mandato di arresto internazionale per Jardemalie, accusandola di “appropriazione indebita di beni affidati” in relazione alle posizioni che deteneva presso una banca kazaka.

Una visita a casa sua a Bruxelles ha avuto luogo il 1 ° ottobre alla presenza di due agenti non identificati che parlavano in russo – presumibilmente poliziotti kazaki, riferisce il quotidiano. Le vere ragioni dell’azione sarebbero la ricerca di documenti nell’ufficio di Jardemalie.

“Il Belgio è pronto a consegnare un elenco di oppositori politici allo stato kazako. Ciò creerebbe un precedente che mette in pericolo tutti i rifugiati politici, avvocati e attivisti per i diritti umani che vivono qui. Per quanto riguarda i documenti visti dai poliziotti kazaki a casa mia, è già troppo tardi “, afferma Jardemalie.

Oltre al giudice istruttore, la Procura di Bruxelles e il Ministero della giustizia hanno approvato la richiesta di cooperazione del Kazakistan.






31mag.nl è un progetto indipendente di giornalismo partecipativo.
Raccontiamo gli esteri da locals, non da corrispondenti o inviati.

Diamo il nostro apporto all’innovazione nei media con news,
reportage e video inediti in italiano. Abbiamo un taglio preciso ma obiettivo.

RECHARGE US!