The Netherlands, an outsider's view.

The Netherlands, an outsider's view.

BE

Bruxelles, diversi ospedali già al limite con pazienti Covid. In molte strutture, terapie ordinarie sospese

Il numero di pazienti Covid ha già superato la capacità prevista in diversi ospedali di Bruxelles, scrive il quotidiano Le Vif, comprese le strutture del Centre hospitalier interrégional Edith Cavell (Chirec). Le cure ordinarie potrebbero essere rimandate, ha fatto sapere l’ospedale.

Diversi ospedali di Bruxelles, quindi, sono già saturi nella fase 1A: “Se passiamo alla fase 1B, parte dell’assistenza regolarmente programmata nei nostri ospedali dovrà essere posticipata”, ha detto il direttore generale medico di Chirec, Philippe El Haddad, a Le Vif.

Nella fase 1A belga, il gruppo ospedaliero riserva 36 posti per pazienti Covid e 9 per la terapia intensiva. Le strutture del gruppo – l’ospedale Delta ad Auderghem, la clinica Saint-Anne Saint-Rémi ad Anderlecht e l’ospedale Braine l’Alleud-Waterloo – hanno già ammesso 45 persone e 9 sono in terapia intensiva.

“Non siamo ancora passati alla fase 1B perché gli altri ospedali belgi non sono saturi. Continuiamo quindi a trasferire i pazienti dove c’è ancora spazio nel contesto della fase 1A. Trasferiamo da uno a due pazienti al giorno “, dice El Haddad al portale francofono.

L’ospedale universitario UZ Brussel di Jette ha dovuto trasferire i pazienti e presto la struttura passerà alla fase 1B. Anche la rete ospedaliera Iris si avvicina alla fase 2.

“La procedura di trasferimento è macchinosa. Viene effettuata caso per caso e con una certa riluttanza da parte di alcuni ospedali riceventi. Il numero di casi di Covid-19 continua quindi ad aumentare nelle nostre unità di terapia intensiva” , spiega al portale l’amministratore delegato degli ospedali Iris, Etienne Wéry, che spera nell’intervento delle istituzioni. Per ora, 14 ospedali, prosegue Le Vif, avrebbero rifiutato pazienti di altre strutture, nonostante fossero obbligati ad accettarli.

Secondo De Standaard, 14 ospedali sono riluttanti ad accogliere pazienti provenienti da altre regioni.