Le prime centinaia di rifugiati hanno iniziato ad arrivare all’ex hotel Mercure nel quartiere di Evere a Bruxelles, dove è stato allestito un centro di accoglienza per aiutare a gestire il crescente numero di migranti in arrivo.

La Croce Rossa ha passato le ultime settimane a preparare il sito, riferisce Bruzz,

“Non abbiamo solo dovuto aggiungere letti, materassi e kit igienici extra, ma anche reclutare personale“, ha spiegato Marie Polard della Croce Rossa, responsabile della gestione dell’edificio. “Siamo riusciti a trovare persone, soprattutto dai dintorni, da affiancare al personale esperto della Croce Rossa”.

Il centro ospiterà principalmente uomini soli, molti dei quali hanno dormito per le strade di Bruxelles.

“Nelle scorse settimane, abbiamo visto che le famiglie con bambini, donne o i minori stranieri non accompagnati alla fine riuscivano a trovare una sistemazione. Con l’arrivo del nuovo centro, vogliamo anche togliere gli adulti soli dalla strada“, ha detto Polard.

L’hotel, proprio come il centro Klein Kasteeltje a Bruxelles ospiterà i rifugiati solo per un breve periodo. Servirà come punto d’appoggio iniziale dove le persone possono presentare le loro domande d’asilo. Con l’idea che dopo poche settimane, o al massimo mesi, si sposteranno in strutture permanenti.

Il centro è stato creato in accordo con l’agenzia federale Fedasil e il comune di Evere e sarà gestito dalla Croce Rossa su richiesta del segretario di Stato per l’asilo e la migrazione Sammy Mahdi (CD&V). L’obiettivo è di creare una disponibilità di 5.400 posti, direttamente in aggiunta ai quasi 30.000 posti di accoglienza permanente della rete Fedasil.