Bruxelles comincia ad elaborare un piano di massima per la vaccinazione delle fasce non prioritarie e il quadro emerge leggermente diverso da quello delle Fiandre, scrive il portale Bruzz.

Il programma dovrebbe partire da marzo e sarà la prima fase di vaccinazione per un’ampia fascia di popolazione. Inizialmente, riguarderebbe gli over 65 e le persone con specifiche vulnerabilità fisiche. Tutto inizieràcon un invito, via e-mail o SMS (a seconda delle informazioni disponibili), ma anche per lettera. Con le informazioni necessarie per registrarsi su un sito Web, che saranno rese pubbliche in seguito.

Sarà allora possibile scegliere un’ora sia per la vaccinazione che per il richiamo. Inoltre, i  residenti a Bruxelles potranno anche scegliere quale centro visitare. Almeno questa è la strategia che la municipalità adottare, afferma il ministro Alain Maron.

Per ora, conclude Bruzz, i termini sono di massima: quanto rapido sarà il programma, dipende in realtà dalla velocità della casa farmaceutica nella consegna delle scorte.